Magazzino a Lugano: il luogo ideale per iniziare una collezione di dischi

Il vinile è la tua grande passione? Ecco una mini guida per aspiranti collezionisti

Collezionare dischi - Casaforte

Tutti siamo d’accordo: il fascino del disco in vinile è immortale. Era tra gli oggetti più amati negli anni 40 e oggi sta tornando prepotentemente alla ribalta da quando viene considerato l’alternativa più gettonata alla musica ascoltata in formato digitale.

Ma c’è un problema: a meno che non si posseggano già dischi sapientemente conservati da nonni e genitori, per i profani è molto difficile cominciare una collezione di un certo rispetto. Senza contare lo spazio che serve a conservarla.
L’entusiasmo da solo non basterà a fare di te un buon collezionista, soprattutto se la tua cameretta è già stata invasa da montagne di CD e DVD e in salotto non c’è spazio nemmeno per appoggiare un soprammobile.

Ecco allora qualche consiglio per chi ha in mente di cominciare una collezione di dischi in vinile.

MAGAZZINO A LUGANO PER I MIEI DISCHI

Stiamo parlando di dischi, non di una concessionaria di auto di lusso quindi puoi accontentarti di qualche metro quadrato per conservare dignitosamente tutta la tua collezione. Se lo spazio in casa scarseggia, una buona soluzione può essere affittare un magazzino a Lugano.

Casaforte Svizzera mette a disposizione depositi self storage di ogni dimensione ma a te basterà affittarne uno classe Small (da 1 a 5 ) per tutto il tempo che serve. Nessuno avrà accesso al tuo deposito a meno che non sia tu stesso a richiederlo. Inoltre, potrai contare su massima professionalità e sicurezza, così che i tuoi piccoli tesori siano sempre al sicuro e all’asciutto.

FAI ATTENZIONE A COSA SCEGLI

Adesso che abbiamo risolto il problema dello spazio ricorrendo al self storage, pensiamo a quali dischi scegliere per la tua collezione. Il vinile d’altri tempi non offre performance sonore pulite come i dischi freschi di stampa, ma senza dubbio trasmette emozioni di altissimo livello che difficilmente il digitale sarà mai in grado di replicare.

Il nostro consiglio è di scegliere sempre dischi con l’indicazione Original Master Recording che certifica l’assenza di tracce digitali a rovinare il piacere analogico.

I BENEFICI DEL 45 GIRI

Negli anni 40 quando il disco a 45 giri è nato si pensava fosse appena arrivato il giusto compromesso tra 78 e 33 giri. I motivi? Stanno principalmente nell’aumento della velocità del solco (35% in più) in qualsiasi punto del disco che migliorava di gran lunga la resa sonora.

Questo si traduceva in un’immagine stereofonica molto più ravvicinata, palpabile, dettagliata. In parole povere: maggiore coinvolgimento da parte dell’ascoltatore e un tripudio di emozioni per le orecchie.

DISCOGS: IL DATABASE CHE NON DEVI PERDERE

E’ un punto di riferimento per gli appassionati di musica di tutto il mondo e da quest’anno ha messo a disposizione dei propri utenti anche un’app gratuita con la quale è possibile catalogare la propria collezione di dischi, aggiungere album alla propria lista dei desideri e ricevere informazioni dettagliate su qualsiasi disco, a patto che si conosca il numero di serie impresso sul dorso della copertina.  


chiama
chatta
close_menu